Main Menu
Home
Le Branche
Co.Ca.
Foto
Download
Uniformi e Distintivi
Storia
Contattaci
Iscrizioni
Links





Lost Password?
Home arrow Le Branche arrow Reparto
Reparto
eg.gif

"...nessun profumo vale l'odore di quel fuoco...". -B.P.-

Di seguito riportiamo quello che il Manuale Metodologico AGESCI dice a proposito degli Esploratori e delle Guide.

[Estratti del "Manuale Metodologico AGESCI"]
Il metodo educativo utilizzato dall’Associazione è quello dello scoutismo i cui principi fondamentali si trovano nell’opera di Baden Powell, sono attualizzati nello Statuto e nel Patto associativo e tradotti in un modello educativo maturato progressivamente nell’esperienza dei capi. Essi sono perseguiti nelle varie branche in maniera adeguata all’età, rispettando i tempi di crescita dei singoli e della comunità. Ad essi si ispirano i progetti educativi dei gruppi e le attività delle unità. Per informazioni più dettagliate sulla proposta educativa rimandiamo al Manuale Metodologico AGESCI

BRANCA E/G
La branca Esploratori e Guide si rivolge ai ragazzi ed alle ragazze di età compresa tra gli 11/12 ed i 16 anni e si propone di favorire la realizzazione di una identità solida capace di entrare in relazione con gli altri. I ragazzi e le ragazze si riuniscono in unità chiamate reparto. I ragazzi e le ragazze si riuniscono in squadriglie. Più squadriglie formano un reparto.

PEDAGOGIA SCOUT NELL’EDUCAZIONE ALLA FEDE La proposta scout si attua in esperienze concrete che spesso acquistano un valore simbolico e comunicano un profondo messaggio umano, religioso e cristiano. In questa prospettiva acquistano un significato particolare tutti i momenti che compongono la vita di reparto, perchè attraverso la vita comunitaria si inizia a sperimentare la dimensione ecclesiale dell’esistenza cristiana. In particolare, la squadriglia offre momenti di preghiera in cui tutti i suoi membri sono chiamati a partecipare attivamente, mentre l’impresa stimola ad individuare ed accogliere le proprie responsabilità per la costruzione del Regno. Inoltre, l’hike, la veglia alle stelle, le cerimonie costituiscono occasioni propizie per esperienze forti di fede e di ascolto della Parola. L’educazione morale conduce a riconoscere, accettare e interiorizzare quei valori che, praticati, sono via per il raggiungimento della felicità. Le celebrazioni sacramentali e i momenti di preghiera che coinvolgono tutto il reparto aiutano a condividere con gli altri gioie e difficoltà e a vivere in una dimensione di ringraziamento e di semplicità. In generale, tutto l’itinerario di fede del reparto è ritmato dai tempi dell’anno liturgico come cammino privilegiato per la scoperta del mistero di Cristo, per mettersi alla sua sequela e per approfondire il valore dei sacramenti.

EDUCAZIONE ALL’AMORE E COEDUCAZIONE
L’età di reparto coincide con il momento di maggiore evoluzione dei ragazzi e delle ragazze. Durante questo periodo gli esploratori e le guide devono poter essere aiutati a riscoprire se stessi, nel loro corpo che cambia rapidamente; a saper accogliere gli altri loro coetanei, anch’essi coinvolti nello stesso cambiamento; a sentirsi amati e amabili; a essere pronti a una collaborazione fraterna con tutti. Occorrerà pertanto favorire esperienze che aiutino i ragazzi e le ragazze a giungere gradualmente a una più approfondita conoscenza, accettazione e possesso di sè stessi; qualità/obiettivi che svilupperanno donando se stessi nell’accogliere l’altro, il diverso, tramite gesti e parole che siano espressioni del proprio essere, e non frutto di condizionamenti sterni. Nel proporsi questi obiettivi - la scoperta e l’accettazione della propria sessualità, la scoperta e l’accettazione dell’altro, l’integrazione della genitalità con l’affettività, l’oblatività, il superamento dei ruoli stereotipati – occorre tenere sempre ben presenti: - il senso di smarrimento che disorienta ragazzi e ragazze; - il differente sviluppo psicofisico (sessualità genitale / sessualità spirituale); - la diarchia quale valore pedagogico irrinunciabile nelle unità miste; - in ultimo, ma non perchè di minore importanza, la situazione culturale del luogo in cui la proposta avviene, e di conseguenza le esperienze di base vissute dai ragazzi e dalle ragazze. I capi sono chiamati, nella loro maturità personale, a vivere e a coinvolgersi nel gioco dei ragazzi mantenendo la caratteristica di adulti. I capi inoltre devono essere coscienti che il rapporto educativo è particolarmente importante in questo ambito: la loro posizione di modelli e il loro comportamento quindi devono tenere sempre presente il grado di comprensione dei ragazzi e delle ragazze cui si rivolgono. In riferimento al reparto, le Comunità capi sceglieranno, secondo linee progettuali del gruppo, le forme monosessuali, parallele o miste.

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA I ragazzi e le ragazze in età di reparto sono caratterizzati da uno spiccato bisogno di autonomia e indipendenza da tutto ciò che è “istituzione”. Inizia in questa fase il cammino che li aiuterà a scoprire e sperimentare l’appartenenza ad una comunità sociale che supera i confini del proprio nucleo familiare e della propria realtà. Comincia a svilupparsi la coscienza dei principi che regolano la vita sociale, per divenire soggetto capace di assumersi la responsabilità del proprio agire: ciascuno, secondo le proprie possibilità, è chiamato a fare la sua parte per il bene di questa comunità. Strumenti privilegiati in questa area educativa sono tutte le strutture di cogestione del reparto, i Consigli della Legge e di squadriglia, nonchè la realizzazione di imprese capaci di lasciare un segno nella realtà circostante.

EDUCAZIONE ALLA PACE ED ALLA DIMENSIONE INTERNAZIONALE La consapevolezza di essere cittadini del mondo favorisce la crescita di generazioni capaci di: - promuovere solidarietà, aumentando la collaborazione fra le nazioni; - conoscere ed accettare le diversità degli altri (i loro punti di vista, i loro interessi, le tradizioni, i costumi, le situazioni problematiche...), superando i particolarismi e la facile tentazione di emarginare chi è considerato diverso. Lo scoprire lo scautismo come movimento mondiale e poterlo sperimentare con apposite attività, favorirà la percezione di questo essere parte di una comunità più vasta. I ragazzi e le ragazze inoltre saranno aiutati, in maniera proporzionata all’età e alla loro situazione, a scoprire le proprie attitudini, anche tramite le specialità e i brevetti di competenza, per prepararsi a un inserimento nel lavoro visto comecontributo alla costruzione del mondo, e ad impegnarsi a vivere relazioni che favoriscono il dialogo e la pace.

AVVENTURA L’atmosfera di avventura è l’esca educativa che spinge gli esploratori e le guide all’azione, animando nel concreto le esperienze vissute, mentre lo spirito scout e l’impegno a crescere nella fede sostengono la vita del reparto e le danno senso. È l’avventura di costruire se stessi, utilizzando in maniera imprevista e imprevedibile le esperienze acquisite durante l’infanzia e di cui ci si va arricchendo nell’adolescenza; è l’avventura di scoprire il mondo e riorganizzare la conoscenza secondo schemi personali; è l’avventura di provare se stessi in rapporto al mondo e agli altri. Diventa allora determinante l’esercizio dello scouting: l’arte di osservare la realtà vissuta, di interpretarla e di agire conseguentemente in essa. Non si tratta, quindi, solo di un insieme di tecniche, ma di un modo di affrontare l’esistenza che favorisce anche lo sviluppo di uno stile progettuale.

Area Reparto
SpecialitÓ
Fatti di Reparto
Sondaggio